adottare-un-cane

Adottare un cane: perché farlo, obblighi e doveri

Maggio 14, 2021 0 di Gloria De Rugeriis

Vuoi allargare la famiglia e adottare un cane? Prima di farlo devi sapere alcune cose, perché non basta l’amore verso gli animali per fare una scelta di questo tipo.

Proseguendo la lettura scoprirai come valutare l’adozione di un cucciolo, a chi rivolgerti, quali sono gli obblighi e i doveri di chi decide di aprire le porte della propria casa ad un quadrupede con la coda e se adottare un cane cucciolo o adulto.

Adottare un cane dal canile

adozione-canile

Un grande gesto di generosità. Farlo è semplice, devi recarti in un canile, scegliere l’animale con il quale si creerà un’empatia e compilare i moduli per l’adozione e ottenere l’affidamento del cane che solitamente è già stato sottoposto alle vaccinazioni obbligatorie e munito di microchip.

Vuoi sapere quanto costa prendere un cane al canile? Non ci sono costi per affrontare l’adozione, tranne una donazione volontaria in favore del canile per le spese sanitarie affrontare, senza nessun importo obbligatorio.

Adottare un cane è una scelta che deve essere ponderata e che comporta un’assunzione piena di responsabilità nei confronti dell’animale per tutta la durata della sua vita. Ogni cane ha le proprie esigenze e bisogna assicurargli almeno tre uscite al giorno, durante le quali avrà la possibilità di correre liberamente, quando possibile in spazi verdi, giocare e socializzare con altre persone e altri cani.

L’adozione al canile, inoltre, comporta anche un impegno in termini di legge. Infatti, chi adotta deve firmare un modulo, con il quale la persona affidataria si impegna a custodire l’animale con le dovute cure, a non cederlo a terzi e a non abbandonarlo mai.

Come scegliere il cane da adottare

A dispetto di quanto si possa pensare, il fattore determinante per scegliere il cane giusto è il carattere dell’animale e non la taglia o il peso. Infatti, ci sono cani piccoli dal carattere iperattivo e cani grandi, al contrario, molto tranquilli. Ma non preoccuparti troppo, sarà lui o lei a scegliere te!

Cerca di offrirgli uno spazio esterno, sia esso un terrazzo o un giardino, farà vivere meglio il nuovo componente della famiglia e gli assicurerà anche uno spazio all’aria aperta dove poter trascorrere del tempo.

In caso di adozione al canile, si dovranno avere dei requisiti per l’adozione, infatti, la procedura prevede un’indagine iniziale volta ad individuare il cane anche in base alle condizioni abitative e alle necessità della famiglia adottiva. In alcuni canili, viene programmato un periodo di pre-affido per testare la convivenza. Se poi dovessero insorgere situazioni irrisolvibili, anche al fine di evitare gli abbandoni, sarà possibile riportare il cane al canile.

Questa è una forma di tutela nei confronti del cane, secondo la quale il volontario del canile dovrà avere la possibilità di rintracciarti per controllare che il cane non soffra e che si sia completamente integrato nel nuovo nucleo familiare.

Cosa fare dopo l’adozione

Sempre in caso di adozione presso un canile, nel periodo subito successivo, potresti ricevere controlli domiciliari volti alla verifica delle condizioni del cane e alla valutazione del rapporto con il nuovo padrone.

controllo-veterinario-cane

Dopo l’adozione bisognerà portare il cane dal veterinario per completare tutti i controlli necessari ad accertarne lo stato di salute e creare un libretto sanitario nel quale inserire tutti dati fondamentali dell’animale: nome, peso, età, razza, eventuali patologie, vaccinazioni effettuate. Qualora il cane non avesse già il microchip bisognerà provvedere all’impianto, al fine di non smarrirlo.

Sono molto importanti, poi, sia la sverminazione in caso di adozione di un cucciolo che i vaccini, alcuni dei quali sono obbligatori per legge.

Adottare un cane adulto

adozione-cane-adulto

Molto spesso si pensa ad adottare un cucciolo per favorire il legame e l’attaccamento al padrone. In realtà anche i cani adulti adottati sono in grado di amare un nuovo compagno di vita allo stesso modo di un cucciolo.

Anche se a volte percorrere questa strada può rivelarsi un po’ più complesso poiché bisognerà avere più pazienza ed impegnarsi ad entrare nelle grazie del quadrupede con la coda, i risultati sono assicurati e l’adozione acquisirà anche un significato maggiore. Infatti, spesso i cani adulti che si trovano al canile sono stati abbandonati e hanno ancora più bisogno dell’amore e dell’affetto di una famiglia.

Come accogliere il cane adottato

La fase iniziale, soprattutto i primissimi giorni, sono cruciali e delicati per il nuovo arrivato. Da essi dipende il tipo di rapporto che si andrà a instaurare tra te e il tuo cane.

Il consiglio è di fargli trovare pronte a casa una cuccia con una coperta tutte per lui, dei giocattoli e, ovviamente, delle ciotole per il cibo, in modo che abbia da subito dei punti di riferimento. Immancabili, per portarlo fuori a fare le passeggiate quotidiane, un guinzaglio adatto e una pettorina o il collare con la medaglietta. Ti serviranno anche alcuni accessori come le bustine per raccogliere i bisogni. Puoi acquistare tutto ciò di cui hai bisogno da Greeny, negozio specializzato in prodotti per animali.

Dovrai farlo abituare dal primo giorno ai tuoi ritmi e quelli della casa. I cani sono animali molto abitudinari ed è importante dare fin da subito ritmi certi e scanditi in maniera costante anche per i pasti.

Sei pronto per accogliere il tuo nuovo compagno di vita a 4 zampe? Adotta un cane anche tu!